Cronaca. Noiconsumatori contro la “rottamazione Equitalia”

23 febbraio 2017
267 Views

Rottamazione Equitalia? Un provvedimento discriminatorio e ingiusto solo per chi ha soldi: ricchi ed evasori. Noiconsumatori chiede con urgenza proroga con modifiche che lo rendano accessibile a tutti anche per i ruolo dal 1980 al 1999 e ai meno abbienti. «A fronte delle domande pervenute per aderire alla cosiddetta rottamazione prevediamo che soloa solita parte minoritaria potrà avere un effettivo seguito, visto che i tanto attesi provvedimenti sull’allungamento delle rate, ancora possibili quando ci sono state le prime adesioni, non sono poi arrivati e la norma risulta discriminatoria è incostituzionale proprio per la scelta dei debitori che posso definire i vergognosi addebiti. Di conseguenza i cittadini, solo per i debiti dall’anno 2000 al 2016 non per i precedenti molto più conditi di interessi usurari e sanzioni , già stritolati dalla crisi, si troverebbero a pagare con denaro liquido in sole 5 rate». Non usa mezzi termini il presidente di noiconsumatori.it, avvocato Angelo Pisani, che chiede al governo tre misure urgenti affinché la rottamazione sia resa accessibile alla stragrande maggioranza degli italiani, che notoriamente versano in gravi o gravissime difficoltà economiche provocare in primis dalla mala politica e da tasse assurde. Punto primo: stabilire un allungamento delle rate che da cinque passino, come era già stato previsto, almeno a dieci, alleggerendo così il carico sulle fasce deboli. Punto secondo: differenziare almeno il numero delle rate in base all’importo da versare, «perché non è possibile – tuona Pisani – che si faccia lo stesso trattamento per chi deve pagare mille e per chi deve pagare diecimila». Punto terzo: estendere il periodo previsto, attualmente compreso fra 2000 e 2016, anche agli anni precedenti. «E’ apertamente incostituzionale – dichiara Pisani – discriminare i cittadini sulla base dell’anno di emissione di una cartella, escludendo ad esempio chi l’ha ricevuta nel 1999». «Più in generale – aggiunge l’avvocato – chiediamo una moratoria sulle esecuzioni forzate, in questo periodo particolarmente incalzanti e dirette soprattutto a famiglie già alle prese con l’impossibilità ad andare avanti. Dopo i tanti suicidi degli ultimi anni, non vorremmo che la sbandierata rottamazione dovesse diventare un motivo in più per coloro – e sono tanti – che avevano presentato domanda fidando in un allungamento delle rate e ora si ritrovano ad essere doppiamente colpiti dall’impossibilità di farcela». «Del resto – conclude Pisani – non va mai dimenticato da coloro che dovessero essere stati tratti in errore che la cosiddetta ‘rottamazione’ non riguarda le somme da pagare, che restano per intero, ma solo interessi ed altre maggiorazioni, da epoca medievale per pagare errori e sfizi della mala politica , non di rado risultate prossime all’usura e prescritti anche in alcuni giudizi vinti in tribunale da noiconsumatori.it».

You may be interested

Cultura. Pimonte commemora i cittadini morti nella tragedia del Treno 8107
Cultura
shares42 views
Cultura
shares42 views

Cultura. Pimonte commemora i cittadini morti nella tragedia del Treno 8107

Ciro Serrapica - Lug 13, 2019

Mercoledì prossimo, nella sala convegni del Museo Multimediale dei Monti Lattari, si celebrerà la giornata del ricordo: il 4 marzo 1944.…

Eventi. “Lettere….dal Medioevo”, tra storia, cibo e tradizioni
Cultura
shares63 views
Cultura
shares63 views

Eventi. “Lettere….dal Medioevo”, tra storia, cibo e tradizioni

Ciro Serrapica - Lug 09, 2019

L’antico Maniero di Lettere tornerà per due giorni alla funzione per cui circa 1000 anni fa fu costruito. Venerdì 12 e…

Salute Mentale Ercolano-Torre del Greco: sì all’accorpamento dei servizi
Cronaca
shares60 views
Cronaca
shares60 views

Salute Mentale Ercolano-Torre del Greco: sì all’accorpamento dei servizi

Redazione - Lug 04, 2019

I vertici aziendali dell’Asl Napoli 3 Sud confermano che è in atto una valutazione sulla possibilità di accorpamento dei servizi…

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: