Cronaca. I pali a “Fontana del Re” erano autorizzati dal Comune: caccia al “colpevole”

Il pool che è intervenuto sul posto questa mattina per verificare lo stato dei luoghi, alla vista dell'autorizzazione firmata dai responsabili dell'ufficio tecnico comunale sono rimasti a bocca aperta. Disposto l'immediato ripristino dello stato dei luoghi

27 dicembre 2016
260 Views

Pali dell’ Enel a “Fontana del Re”, erano autorizzati.

Questa mattina, a seguito delle lamentele e foto postate sui vari social da molti cittadini per denunciare lo “scempio”, l’ennesimo che si stava perpetrando ai danni di una delle bellezze antiche di Castellammare, il Sindaco Antonio Pannullo con l’Assessore Giuseppe Rubino e gli agenti della Municipale, sezione Ambientale, si sono recati sul posto a verificare.

L’Assessore Rubino ha chiesto spiegazioni all’ufficio Tecnico, e sul posto sono giunti anche i responsabili, nonché firmatari dell’autorizzazione. Si, autorizzazione. Dopo un rapido controllo dei documenti in possesso degli uffici competenti di Palazzo Sant’Anna, è stato appurato, con non poca meraviglia di tutti, che l’Enel era stata autorizzata dai tecnici comunali per compiere quello scempio.

Non proprio “autorizzare quello scempio”, ma i tecnici del comune hanno autorizzato dei lavori che contenevano anche l’installazione di pali dell’Enel  su “Fontana del Re”.  In effetti quando il “pool” intervenuto sul posto ha chiesto all’ingegnere Giovanni Angellotto,  responsabile e firmatario dell’autorizzazione, di portarsi sul posto ed accompagnarsi al fascicolo di richiesta da parte della società elettrica, aprendo “le carte” sono rimasti tutti a bocca aperta.

L’ingegnere del Comune aveva autorizzato tutto, ma forse non aveva inquadrato bene dove si doveva installare, o forse era stata fatta una richiesta “fuorviante” e vaga. Il dato certo è che i pali a “Fontana del Re” erano autorizzati.

Subito si è innescato il meccanismo del blocco lavori e ripristino, tant’è che , raggiunto il magistrato al telefono, lo stesso ha disposto alla società elettrica l’immediato rispristino dello stato dei luoghi. Vale a dire, che immediatamente hanno dovuto smontare i pali e risistemare la pavimentazione rotta.

Ora, la domanda che in molti ci poniamo: «Ma i tecnici quando hanno firmato, hanno valutato accuratamente la pratica?» Sembrerebbe di no, però confidiamo ora nel lavoro della magistratura e dell’Assessore Rubino che certamente non lasceranno il caso irrisolto.

You may be interested

Cultura. Pimonte commemora i cittadini morti nella tragedia del Treno 8107
Cultura
shares40 views
Cultura
shares40 views

Cultura. Pimonte commemora i cittadini morti nella tragedia del Treno 8107

Ciro Serrapica - Lug 13, 2019

Mercoledì prossimo, nella sala convegni del Museo Multimediale dei Monti Lattari, si celebrerà la giornata del ricordo: il 4 marzo 1944.…

Eventi. “Lettere….dal Medioevo”, tra storia, cibo e tradizioni
Cultura
shares62 views
Cultura
shares62 views

Eventi. “Lettere….dal Medioevo”, tra storia, cibo e tradizioni

Ciro Serrapica - Lug 09, 2019

L’antico Maniero di Lettere tornerà per due giorni alla funzione per cui circa 1000 anni fa fu costruito. Venerdì 12 e…

Salute Mentale Ercolano-Torre del Greco: sì all’accorpamento dei servizi
Cronaca
shares59 views
Cronaca
shares59 views

Salute Mentale Ercolano-Torre del Greco: sì all’accorpamento dei servizi

Redazione - Lug 04, 2019

I vertici aziendali dell’Asl Napoli 3 Sud confermano che è in atto una valutazione sulla possibilità di accorpamento dei servizi…

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: