Cronaca. Vincenzo Ungaro (Prima Stabia): «Scempio di ‘Quisisana’, fuori i nomi dei responsabili. Oltraggio alla cultura della città delle acque»

“Andremo fino in fondo a questa storia che definire ‘grottesca’ è riduttivo. Chi ripagherà i cittadini dei danni alla scalinata monumentale? Basta mediocrità o ci ritroveremo a commentare una nuova incredibile e vergognosa vicenda”

27 dicembre 2016
183 Views

Così Vincenzo Ungaro, capogruppo consiliare del gruppo

di opposizione di centrodestra “Prima Stabia”

“Scempio di ‘Quisisana’, fuori i nomi dei responsabili. Oltraggio alla cultura della città delle acque” 

“Andremo fino in fondo a questa storia che definire ‘grottesca’ è riduttivo. Chi ripagherà i cittadini dei danni alla scalinata monumentale? Basta mediocrità o ci ritroveremo a commentare una nuova incredibile e vergognosa vicenda”

“Il caso dello scempio del complesso monumentale delle ‘Fontane del Re’ nel parco di ‘Quisisana’ ha dell’incredibile: fuori subito i nomi dei responsabili e se necessario forze dell’ordine e magistratura facciano chiarezza in tempi brevissimi. I cittadini di Castellammare di Stabia non possono sopportare questo ulteriore oltraggio alla cultura, alle opere, alle bellezze del nostro territorio”. Così Vincenzo Ungaro, capogruppo consiliare di “Prima Stabia”.

“Bene l’intervento questa mattina di polizia municipale, bene le parole di condanna del sindaco del centrosinistra Antonio Pannullo – ha continuato Ungaro – ma com’è stato possibile giungere all’installazione di pali lungo una scalinata storica, preziosa, dal valore inestimabile? Stiamo parlando di temi assai cari alla cittadinanza e la macchina comunale, la burocrazia, tutti gli uffici che devono operare, devono prestare la massima attenzione e fare un’attenta opera di prevenzione. Stiamo preparando un’interrogazione consiliare da sottoporre a tutta l’amministrazione comunale per comprendere tutti gli aspetti di una vicenda che definire ‘grottesca’ è riduttivo. Se necessario faremo anche un accesso agli atti.

Dobbiamo dire basta alle improvvisazioni, basta alle approssimazioni, basta alla mediocrità: quegli orrendi pali pare siano stati rimossi, ma chi ripagherà Castellammare dei danni causati dagli scavi direttamente nella pavimentazione antica della scalinata? Andremo fino in fondo a questa storia denunciata prontamente da ‘liberoricercatore.it’ cui deve andare il ringraziamento di tutta la cittadinanza stabiese”.

You may be interested

“Evoluzioni e scenari della logistica tra dinamiche globali e vocazioni territoriali”
Cultura
shares16 views
Cultura
shares16 views

“Evoluzioni e scenari della logistica tra dinamiche globali e vocazioni territoriali”

Antonio Lanfranco - Mar 18, 2019

Appuntamento il 28 marzo 2019 alle ore 10.30 al Museo Ferroviario di Pietrarsa dove si terrà la presentazione pubblica di…

Al servizio di Torre Annunziata: nasce “La paranza delle idee”
Cultura
shares72 views
Cultura
shares72 views

Al servizio di Torre Annunziata: nasce “La paranza delle idee”

Antonio Lanfranco - Mar 18, 2019

“La paranza delle idee”, è questo il nome della nuova realtà associativa che sta prendendo forma a Torre Annunziata dall’incontro…

“Birra Ravello Cups”, Costa d’Amalfi patria dello sport
Sport
shares22 views
Sport
shares22 views

“Birra Ravello Cups”, Costa d’Amalfi patria dello sport

Antonio Lanfranco - Mar 16, 2019

Dal primo giugno al trenta settembre la Costiera Amalfitana si trasformerà in una sorta di Olimpia dei tempi moderni. Tornei…

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: