#menevado. La prima del corto stabiese

20 dicembre 2016
210 Views

Prima stabiese per il corto #menevado, interamente girato a Castellammare
Spaccato di vita di una città che dimentica i suoi figli e che fatica a darsi una mossa
L’appuntamento è per venerdì 21 ottobre alle 20.30 nella sala Ruccello del cinema Montil

A 40 anni, senza lavoro né prospettive future, Catello Spera decide di farla finita. Ma prima di suicidarsi vuole lasciare un segno del suo sdegno ai concittadini, a quella Castellammare che “nonostante tutto” continua a vivere nella routine quotidiana. E che quasi non si scompone a un dramma manifestato in modo decisamente inusuale.
È la storia che sta dietro #menevado, il corto girato interamente a Castellammare di Stabia e che, dopo il successo della presentazione avvenuta ai Faito Doc Festival (dove è stato proposto fuori concorso), approda nella città delle Terme. Il debutto a Castellammare è in programma venerdì 21 ottobre alle ore 20.30 nella sala Ruccello del multicinema Montil (via Bonito, 10).
Qui il regista Gaetano Cuomo presenterà il corto e il suo importante cast, svelando i segreti di una produzione che ha divertito e fatto discutere alla “prima” e che sicuramente registrerà consensi e commenti anche al Montil.
Tante le storie dietro il lavoro firmato da Cuomo: il protagonista Marco Cannavacciuolo, che interpreta il ruolo del disoccupato Catello Spera, stabiese doc, sposato e disoccupato, che di fronte all’impossibilità di dare una svolta alla sua vita decide di uccidersi. Prima però vuole lasciare un segno della sua frustrazione: non basta una lettera, non basto un video. Serve qualcosa di colossale, che sia trasmessa a tutta la città allo stesso momento. Per questo decide di fare istallare altoparlanti in tutti i punti strategici della città, affinché tutti sappiano nello stesso momento quale è il suo stato d’animo.
Nelle scene appaiono tra gli altri grandi attori come Carlo Di Maio e Peppe De Rosa, sportivi simbolo come i canottieri del circolo nautico Stabia ma anche Carlo Lupo, un ex detenuto che si è lasciato alle spalle la terribile esperienza del carcere di Poggioreale e che con il “cameo” in #menevado ha voluto dire che “tutto è possibile”.
Il resto va scoperto venerdì sera al cinema Montil, in una serata che si annuncia indimenticabile e ricca di divertimento e spunti di riflessione.

You may be interested

Maiori in Festa, la Costa d’Amalfi celebra la primavera
Cultura
shares30 views
Cultura
shares30 views

Maiori in Festa, la Costa d’Amalfi celebra la primavera

Antonio Lanfranco - Mar 20, 2019

Maiori è pronta a far festa per celebrare l’arrivo della primavera 2019 e l’inizio di una nuova stagione turistica in…

“Evoluzioni e scenari della logistica tra dinamiche globali e vocazioni territoriali”
Cultura
shares31 views
Cultura
shares31 views

“Evoluzioni e scenari della logistica tra dinamiche globali e vocazioni territoriali”

Antonio Lanfranco - Mar 18, 2019

Appuntamento il 28 marzo 2019 alle ore 10.30 al Museo Ferroviario di Pietrarsa dove si terrà la presentazione pubblica di…

Al servizio di Torre Annunziata: nasce “La paranza delle idee”
Cultura
shares92 views
Cultura
shares92 views

Al servizio di Torre Annunziata: nasce “La paranza delle idee”

Antonio Lanfranco - Mar 18, 2019

“La paranza delle idee”, è questo il nome della nuova realtà associativa che sta prendendo forma a Torre Annunziata dall’incontro…

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: