Cultura. Pimonte commemora i cittadini morti nella tragedia del Treno 8107

L' Assessore alla Cultura: «Il ricordo è importantissimo per un territorio. Proprio per questo diamo il via al progetto di ricerca demoetnoantropologica»a

13 luglio 2019
247 Views

Mercoledì prossimo, nella sala convegni del Museo Multimediale dei Monti Lattari, si celebrerà la giornata del ricordo: il 4 marzo 1944. Giornata della tragedia del treno 8107, la cosiddetta tragedia di Balvano, piccolo centro della Basilicata dove, nella notte tra il 3 ed il 4 marzo, persero la vita circa 600 persone tra le quali anche 8 pimontesi.

Sul treno merci 8107 che trasportava materiale di ricostruzione da Napoli a Potenza salirono circa 600 viaggiatori che, stremati dalla guerra, speravano di trovare derrate alimentari da riportare nei paesi di provenienza. Purtroppo la sorte li attendeva nella “galleria delle Armi”, tra le stazioni d Balvano e Bella-Muro Lucano: il treno, dato l’eccessivo peso e la pendenza della tratta si fermo all’ inizio della strettissima galleria delle Armi, dove morirono circa 600 persone per asfissia dovuta ai gas di scarico delle locomotive a vapore.

In occasione delle giornate della cultura dedicate ai comuni della Basilicata, il 27 luglio ci sarà un viaggio con un treno storico da Napoli a Balvano, appunto, dove verrà anche scoperta una targa commemorativa della tragedia. Giornata dl ricordo delle vittime quindi dove sarà anche ufficializzata la collaborazione tra l’Assessorato alla Cultura di Pimonte ed il Laboratorio di Antropologia Culturale “Annabella Rossi” del Dispac dell’Unversità di Salerno.

Nella sala conferenze del Museo Multimediale dei Monti Lattari, l’ Assessore alla Cultura di Pimonte ufficializzerà il progetto di formazione dei giovani del territorio che avranno il compito di studiare e catalogare scientificamente il patrimonio demoetnoantropologico di tutta l’area dei Monti Lattari.

«Il progetto ha una doppia finalità – dichiara l’Assessore alla Cultura Lucia Somma- Raccogliere informazioni antropologiche del nostro territorio utili alla ricerca e fornire una raccolta di ampia valenza storica al neonato Museo Multimediale dei Monti Lattari».

Il nascente progetto, al momento, è in fase sperimentale ed i neo ricercatori lavoreranno su base volontaria, ma si va ad inserire in un progetto di più ampio respiro che vedrà la firma di una convenzione con l’Università di Salerno per rendere a tutti gli effetti il polo pimontese una scuola di ricerca antropologica riconosciuta.

You may be interested

Ambiente. TORRE ANNUNZIATA: “SALVIAMO IL SARNO”
Cultura
shares13 views
Cultura
shares13 views

Ambiente. TORRE ANNUNZIATA: “SALVIAMO IL SARNO”

Ciro Serrapica - Nov 19, 2019

La salvaguardia ambientale del fiume Sarno raccontata attraverso l’impegno profuso per la depurazione. Presente anche GORI al Symposium Internazionale “Salviamo…

Cultura. Gli alunni degli Alberghieri della Città Metropolitana di Napoli protagonisti in Canada
Cultura
shares14 views
Cultura
shares14 views

Cultura. Gli alunni degli Alberghieri della Città Metropolitana di Napoli protagonisti in Canada

Ciro Serrapica - Nov 19, 2019

Gli studenti e i professori degli Istituti Alberghieri della Città Metropolitana di Napoli protagonisti in Canada in occasione della Settimana…

Spettacolo. Al via la IX Edizione di CORTODINO. Grande cinema a Torre Annunziata
Cultura
shares12 views
Cultura
shares12 views

Spettacolo. Al via la IX Edizione di CORTODINO. Grande cinema a Torre Annunziata

Ciro Serrapica - Nov 19, 2019

Torna il cinema a Torre Annunziata con CortoDino, il festival internazionale di cortometraggi organizzato dall’associazione culturale Esseoesse. L’appuntamento, quest’anno giunto…

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: